Quello che tocco

Quello che tocco è tutto ciò che vedo e annuso

 

Oggi mi è capitato di sfogliare tra gli scaffali della Biblioteca : una rivista di qualche tempo fà

Wimbledon (La gente che legge), un vecchio periodico mensile del 1989, io per caso e per ricerca ne possiedo qualche copia del 1992. Mi sono letto qualche pagina, della rubrina ‘libri e media’, c’era un articolo di Stefano Rolando dal titolo: Non è mai troppo tardi.

Non è mai troppo tardi è il titolo di una trasmissione televisiva mandata in onda a cadenza giornaliera dalla RAI  e organizzata col sostegno del Ministero della Pubblica Istruzione.

Il programma era condotto dal maestro e pedagogo Alberto Manzi (Roma, 1924 – Pitignano, 1997), che ne era stato anche l’ideatore, e aveva il fine di insegnare a leggere e a scrivere agli italiani che avevano superato l’età scolare, ma che non ne erano ancora in grado.

 

 

 

 

Poi mi è capitato per caso distrattamente un libro di G. Gozzer ‘Il capitale invisibile : 25 Rapporti sull’educazione’, un altro vecchio libro del 1975.

Il ‘capitale invisile’, è il capitale conoscitivo e cioè l’accumulazione delle conoscenze utilizzabili che costuìituiscono il patrimonio individuale di informazioni e di tecniche di uso di cui ogni individuo dispone.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.